Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale

 logo mantova e Sabbioneta sito Unesco


Mantova e Sabbioneta è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale, sulla base del riconoscimento di un Valore Eccezionale Universale legato alla esemplarità della pianificazione territoriale e degli interventi urbanistici realizzati nelle due città, in epoca rinascimentale, dalla famiglia regnante, i Gonzaga.

foto mantova

Sabbioneta è l’emblema della città di nuova fondazione, progettata e realizzata da Vespasiano Gonzaga nella seconda metà del Cinquecento come perfetta capitale del suo Ducato; Mantova si presenta invece come la trasformazione di una città esistente che ha mutato il tessuto urbano antico, di fondazione etrusco-romana e modificato durante il Medioevo, per aderire agli ideali urbanistici rinascimentali. Due modelli urbanistici differenti e complementari ma un solo sito, un’eredità culturale del passato da salvaguardare e trasmettere alle generazioni future.

Mantova e Sabbioneta rappresentano due entità urbane esemplari e originali nel panorama delle corti del Rinascimento europeo, le cui caratteristiche si legano alla personalità di maestri come Vittorino da Feltre, di artisti umanisti come Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna e Giulio Romano, di straordinari prìncipi architetti, da Ludovico II a Guglielmo, sino a Vespasiano Gonzaga.

foto mantova

Tuttavia, più che le singole opere, è l’insieme organico dei diversi elementi costitutivi a fornire la chiave di lettura dell’eccezionalità del sito. Mantova e Sabbioneta emergono come due corpi perfetti dove ogni singolo elemento trova il suo significato in rapporto agli altri. Inoltre, i due diversi processi di pianificazione urbanistica fanno del sito un modello esemplare capace di racchiudere in se stesso tutte le forme urbanistiche rinascimentali.

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Mantova

MANTOVA trasformazione di una città.

A Mantova l’evoluzione della città si può percepire seguendo il cosiddetto Percorso del Principe, l’asse viario che percorre la città da nord a sud, collegando Palazzo Ducale e Palazzo Te.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Sabbioneta

Sabbioneta Città Ideale

Rappresentazione pratica di un’ambizione filosofica: la città venne costruita per volere del Duca Vespasiano Gonzaga con lo scopo di concretizzare la concezione rinascimentale della Città Ideale in cui arte, architettura e impianto urbanistico rappresentano la massima espressione della classicità.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Breda Cisoni

La Chiesa dedicata a San Giorgio Martire, in Breda Cisoni, sorge dove prima esisteva un oratorio della seconda metà del Quattrocento. L’edificio che ammiriamo oggi venne progettato pressoché contemporaneamente alla chiesa del Bibiena di Villa Pasquali, dall’architetto viadanese Pietro Antonio Maggi.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Commessaggio

Commessaggio è uno dei tanti borghi

che conservano tracce importanti degli interventi gonzagheschi del Cinquecento. Nell'area di Ca' de' Cessi ci sono stati importanti ritrovamenti risalenti all'età del bronzo, testimonianze dell'esistenza di un insediamento palafitticolo tipico delle zone paludose come la Pianura Padana. Il primo riferimento

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Brugnolo

I Visconti nel Quattrocento diedero speciali autonomie e privilegi al comune di Casalmaggiore, onde mantenersi fedele questa località strategica sul Po oggetto delle mire veneziane. Questo permise a loro di continuare ad avere un certo potere sui paesi vicini, fra cui Brugnolo.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Rivarolo del Re

Rivarolo del Re nasce all'interno del Ducato di Milano, perciò soggetto al Re di Spagna; il nome lo distingueva dal dirimpettaio Rivarolo Fuori, ora Rivarolo Mantovano. Nel secondo decennio del Novecento Rivarolo del Re si separa da Casalmaggiore per costituire un comune autonomo.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Spineda

Piccolo centro agricolo

Nella fertile campagna lombarda, è luogo di ritrovamenti di eta' preistorica in localita' Campo Baiano ed in localita' Campo Prebenda Parrocchiale. Questin ritrovamenti sono conservati presso il Museo Civico di Viadana. Con l' avvento degli stati regionali, Spineda passa al Milanese; incuneata nel territorio dei Gonzaga di Mantova.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

San Martino dall'Argine

I portici gonzagheschi

Costituiscono una delle tante attrazioni di San Martino dall'Argine, e caratterizzano la piazza anche se è giusto precisare che non tutti sono di matrice gonzaghesca. Se per la maggior parte si possono riferire al periodo compreso fra fine Cinquecento e primo Seicento, dobbiamo ricordare che la la perfetta simmetria tra le due ali di portici viene realizzata solo nella prima metà dell’Ottocento.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Marcaria

Nella Frazione Casatico, vi è il complesso di Corte Castiglioni, dove nel 1478 nacque il celebre autore de “Il Cortegiano”. Una nota di merito la merita  Villa Luzzara a Canicossa, Villa Picciona a San Michele in Bosco, e a Campitello il portale di ingresso del"Palazzone”. A Marcaria troviamo una delle ultime testimonianze di ambiente palustre, le Torbiere di Marcaria.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Gazzuolo

Un borgo dalle origine antiche

Il territorio del comune fu sede di popolazioni palafitticole e verso il 2000 A. C. di Etruschi e Romani. Successivamente passò ai Longobardi, il cui re Desiderio lo cedette nel 759 alla potente abbazia benedettina di

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

San Matteo delle Chiaviche

Il complesso Idrovoro di San Matteo

Risalendo la sponda destra del fiume Oglio, ci si imbatte nel colossale complesso idrovoro di San Matteo delle Chiaviche, perno di collegamento tra gli argini del Po e dell'Oglio. Il complesso racchiude l'ex centrale termoelettrica e le chiuse.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Borgoforte

Borgoforte antico feudo dei Gonzaga

Nel 1526, Borgoforte fu teatro di un'aspra battaglia tra i Lanzichenecchi e le truppe della lega di Cognac.  Fu una fortezza durante le Guerre di Indipendenza degli Austriaci, espugnata poi dal generale Cialdini. Una curiosità storica, è che in questa località fu ferito a morte il famoso Giovanni dalle Bande Nere.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Boccadiganda

Il Borgo di Boccadiganda è sito in una zona dove le caratteristiche naturali della terra padana sono dominanti e dove acqua, cielo e terra si fondono creando intense suggestioni.
Boccadiganda si è formato vicino alla foce del Ganda, piccolo affluente di sinistra del Po. In questo splendido scenario

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

San Cataldo

Quiete ed armonia

Queste sono di casa a San Cataldo, situata in una zona a forte connotazione agricola, nell'ambito del comune di Borgo Virgilio. Il Borgo di San Cataldo è dominato dalla maestosa torre campanile risalente all'incirca all'anno Mille, i cui muri presentano uno spessore di oltre 1 metro e mezzo.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault

Pietole

Pietole, anticamente denominata Andes, pare abbia dato i natali al grande poeta latino Publio Virgilio Marone e qui si trova il Monumento a Virgilio. L'opera dello scultore mantovano Pasquale Miglioretti, fu inaugurata da un discorso di Giosuè Carducci nel 1884.

Leggi tutto

Stampa

0
0
0
s2sdefault